Mascara Volume & Shake ~ Rimmel London

volume shake chiuso

Oggi parliamo di una novità make up in casa Rimmel London.

Come sapete, fin da quando Eugene Rimmel commercializzò il primo mascara nel 19esimo secolo, questo must-have beauty è diventato parte integrante del patrimonio storico di Rimmel, diventando il cuore della sua innovazione. Rimmel continua ancora oggi a rivoluzionare il mercato della bellezza con il lancio del nuovo Mascara Volume Shake: il primo Mascara Shaker sul mercato.

Spesso siamo costrette a gettare via il nostro mascara, anche a metà utilizzo. La causa principale è che il mascara si è seccato, la texture ha perso freschezza e fluidità, si creano grumi al momento dell’applicazione. È da questa esigenza che Rimmel ha pensato di offrire alle donne un mascara che potesse essere fresco e fluido dalla prima fino all’ultima goccia.

Così nasce Volume Shake, un mascara di ultima generazione caratterizzato al suo interno da un sistema shaker brevettato. Per la prima volta tutte le donne potranno finalmente avere un mascara dalla formula perfettamente fluida e fresca dalla prima fino all’ultima applicazione.

Ogni volta che la texture del mascara appare più densa e meno fresca, basterà agitare in verticale Volume Shake circa 3/5 volte. Lo shaker interno riattiverà all’istante la formula per assicurare una texture fluida e sempre fresca.

L’applicatore di precisione promette un volume straordinario e zero grumi! Ed eccolo nella foto sotto:

volume-shake-scovolo.png

Il design del Mascara, a parer mio davvero carinissimo, richiama la sagoma dello shaker professionale di un grigio scuro e viene impreziosito da una grafica giallo neon.

Secondo Rimmel il Mascara Volume combina: alta tecnologia, design ed efficacia e diventerà dunque il migliore alleato dei makeup addict che non possono fare a meno del mascara.

Colorazione: Black

Prezzo al pubblico suggerito: 14,50 Euro.

Cosa ne pensate di un mascara che non si secca? Se fosse veramente così trovo che il nuovo mascara Rimmel sia davvero geniale! Cosa ne pensate?

2 comments

Rispondi